La cultura tibetana

PDF Stampa E-mail

La cultura del Tibet è quella di un paese millenario esteso molto più di quello che oggi conosciamo, una paese abitato da pastori, monaci, nomadi, contadini e guerrieri su un altopiano che a partire dai quattromila metri di quota si eleva fino alle vette degli ottomila. La regione himalayana, una regione incontaminata e ricca di risorse naturali, ha offerto ai suoi abitanti per secoli un ambiente naturale difficile, duro ma anche splendido.

Il Buddhismo, la filosofia spirituale non violenta e orientata all'equilibrio armonico fra tutti gli esseri viventi e l'ambiente, portata dall'India attraverso il Nepal da Padmasambhava nell'ottavo secolo dopo Cristo, attecchì in Tibet e divenne la religione comune di tutto il popolo tibetano.

I monasteri si svilupparono e divennero vere e proprie Università, dove insieme alla logica ed al dibattito filosofico, all'astrologia ed alla medicina veniva insegnata la meditazione e le tecniche di massaggio e rilassamento.

Oggi questo paese è ancora fonte di stupore per il mondo occidentale che lo avvicina con curiosità ed ammirazione.

I Maestri tibetani, i monaci e gli artigiani sono ancora oggi portatori di questa cultura millenaria e la maestrìa nella psicologia, nella filosofia e nell'arte figurativa, nell'artigianato sacro sono ancora vivi e sempre più vicini ed aperti allo scambio ed al confronto.

Vi invitiamo a visitare questo sito, a sfogliare le pagine dei tanti testi sulla nostra cultura così come noi stessi li stiamo scrivendo insieme ai nostri amici occidentali; a frequentare i nostri centri e le tante occasioni di incontro che ormai sono a disposizione di coloro che vogliono conoscerci.

Tashi Delek!

Share/Save/Bookmark